giovedì 16 luglio 2020

Origini evolutive della categorizzazione e dello scambio di denaro

Origini evolutive della categorizzazione e dello scambio di denaro: un'indagine sperimentale sulle scimmie cappuccine ciuffate
 Pubblicazione 16 gennaio 2019
IJN
Fonte (English): https://cognition.ens.fr/en/news/evolutionary-origins-money-categorization-and-exchange-experimental-investigation-tufted

Francesca De Petrillo
   
Nelle società umane moderne, il denaro è universalmente riconosciuto come il mezzo più efficiente per acquisire beni e servizi e il suo utilizzo ha permesso il passaggio dal baratto al nostro moderno sistema economico. Il potere del denaro è così pervasivo nelle nostre società che è fondamentale capire quali sono le basi biologiche dell'attrazione umana verso il denaro.

   Una nuova serie di studi, in collaborazione con l'Istituto di Scienze e Tecnologie Cognitive del CNR di Roma e l'Istituto Jean Nicod del CNRS di Parigi, ha indagato se alcune caratteristiche del denaro possano essere ricondotte alle abitudini di scambio delle scimmie cappuccine, una specie di primati sudamericani la cui discendenza si è separata dalla nostra più di 35 milioni di anni fa.

   "Ci sono molte prove che alcuni primati non umani, come scimpanzé e scimmie cappuccine, possono scambiare in modo flessibile gettoni con uno sperimentatore umano per ottenere una ricompensa alimentare. Possono anche attribuire valori diversi a gettoni diversi ed eseguire calcoli flessibili per massimizzare il loro payoff quando vengono presentati con scelte binarie tra varie quantità e combinazioni di diversi tipi di gettoni" dice l'autrice principale dello studio Francesca De Petrillo, una psicologa comparata con sede presso l'Istituto di Studi Avanzati di Tolosa, Francia. "Ci chiedevamo quindi se le scimmie cappuccine, in quanto esseri umani, fossero in grado di classificare e scambiare i gettoni secondo la loro attuale validità e familiarità".

    De Petrillo e i suoi coautori hanno presentato sei scimmie cappuccine, ospitate presso il Centro Primati dell'Unità di Primatologia Cognitiva dell'ISTC-CNR di Roma, con due esperimenti di scambio di gettoni. "Questa colonia di cappuccini è ben abituata a scambiare gettoni con gli umani e hanno fatto parte di molti studi che indagano sulle loro capacità commerciali" spiega Elsa Addessi, ricercatrice dell'ISTC-CNR di Roma "In questo studio abbiamo fornito a ciascuna scimmia un set di quattro diversi gettoni (i) gettoni validi/familiari, utilizzati in esperimenti precedenti, che hanno portato a una ricompensa alimentare, (ii) gettoni validi/non familiari, introdotti nel presente studio, che hanno portato a una ricompensa alimentare, (iii) gettoni non validi, utilizzati in esperimenti precedenti, ma qui hanno perso il valore di scambio, e (iv) oggetti senza valore, introdotti nel presente studio, senza valore di scambio. Poi abbiamo misurato quali gettoni hanno scambiato con lo sperimentatore e in quale ordine".

    I ricercatori hanno scoperto che le scimmie cappuccine riconoscevano prontamente la validità dei gettoni come mezzo di scambio indipendentemente dalla loro familiarità, così come i soggetti umani con il denaro, scambiando costantemente un numero maggiore di gettoni validi rispetto ai gettoni non validi o agli oggetti senza valore. Inoltre, hanno anche scoperto che i cappuccini erano in grado di impegnarsi in catene di scambi inversi e diretti. In un secondo esperimento, i ricercatori hanno dato ai cappuccini un pezzo di cibo che poteva essere scambiato con un gettone che, a sua volta, poteva essere scambiato con un cibo di qualità superiore. I cappuccini hanno effettuato con successo gli scambi, ma solo quando il primo cibo era di qualità molto bassa rispetto al cibo di qualità superiore.

    "Il nostro studio ha dimostrato per la prima volta che una specie di primati non umani capisce quali caratteristiche i gettoni devono avere per funzionare efficacemente, come dimostrano gli esseri umani con le monete" dice Francesca De Petrillo "Questo suggerisce che studiare le capacità commerciali dei primati non umani è fondamentale per comprendere le origini evolutive del nostro complesso sistema monetario".

    "Il fatto che le cappuccine siano stati in grado di scambiare cibo con un gettone indica un comportamento proto-monetario, poiché lo scambio è mediato da un elemento che in linea di principio è un rinforzo primario e diventa temporaneamente un rinforzo secondario" conclude Sacha Bourgeois-Gironde, economista dell'Istituto Jean Nicod del CNRS di Parigi "Il passaggio da rinforzi primari a rinforzi secondari è stato essenziale per l'emergere della moneta di base nella nostra specie".

Riferimento cartaceo: De Petrillo, F., Caroli, M., Gori, E., Micucci, A., Gastaldi, S., Bourgeois-Gironde, S., & Addessi, E. (2019). Origini evolutive della categorizzazione e dello scambio di denaro: un'indagine sperimentale sulle scimmie cappuccine ciuffettate (Sapajus spp.). Cognizione degli animali, 1- 18.

Comunicato stampa IAST

Crypto-Italy: the government promoting cryptocurrencies

  THE ITALIAN GOVERNMENT IS PROMOTING THE ADOPTION OF CRYPTOCURRENCY, STABLECOIN  ROME, October 18, 2020 - At 3 o'clock tonight, the gov...