lunedì 21 settembre 2020

Conversazione con il Prof. Richard Werner

 

 

Conversazione con il Prof. Richard Werner

Da: Dialogue of Civilizations Research Institute, #RhodesForum, 12 ottobre 2018 https://www.youtube.com/watch?v=8FT-zyTX2nE

 

 English: https://leconomistamascherato.blogspot.com/2020/09/conversation-with-prof-richard-werner.html

 

Stefan Grobe: “... in cui vogliamo parlare di denaro e banche, e sono molto molto felice di avere qui Richard Werner, uno dei principali economisti. Dire che non è mainstream è un eufemismo e sono sicuro che vedrai, vedrai perché. Questo è un ragazzo che ha studiato in Inghilterra e in Giappone, ha lavorato in Inghilterra e in Giappone e parla perfettamente giapponese. Solo per farti sapere qui, e ha scritto un libro sulla banca giapponese che è stato un bestseller nazionale in Giappone. Ora, chi lo fa come economista e ha battuto Harry Potter nella lista dei bestseller per sei settimane, giusto, sei settimane, quindi sì, vale un applauso. Quindi questo è un ragazzo che, sai, non ha familiarità con i numeri ma qualcuno che può parlare in modo molto chiaro. Quando sono arrivato qui, due giorni fa, a metà pomeriggio, pensavo di poter prendere, sai, un po' di tempo in spiaggia o giù di lì, ma c'era troppo vento e quindi ho aperto il mio computer e ho letto i suoi articoli e, credeteci o no, ero così affascinato che non riuscivo a smettere. Quando ho finito era troppo buio, quindi ho abbandonato del tutto la spiaggia. Quindi, Richard, grazie per essere venuto, un graditissimo, grazie, e ha anche coniato il termine "quantitative easing", qualcosa che tutti conosciamo ora, dieci anni dopo Lehman Brothers, e questa sarebbe la mia prima domanda: Non lo celebriamo, ma stiamo in qualche modo commemorando i 10 anni dopo Lehman Brothers, cosa è cambiato ? Qual è l'eredità ? Qual è la ricaduta ? Vediamo, ancora, cosa è andato storto in quei giorni."

 

Richard Werner: Prima di tutto grazie per la tua introduzione e per avermi ospitato qui, e, per rispondere alla tua domanda, penso che la lezione dalla crisi del 2008, in effetti da tutte quelle crisi bancarie, perché abbiamo avute più di 100 negli ultimi 50 anni in tutto il mondo, perché non tutte ricevono la stessa pubblicità della crisi europea e nordamericana, che chiamano immodestamente "crisi finanziaria globale", l'Asia non ha avuto problemi e l'Australia non ne ha avuti di problemi all'epoca, comunque, quella fu ampiamente pubblicizzata. Ma abbiamo avuto molte crisi, oltre 100, e quindi qual è la lezione da queste crisi? Penso che ci sia una lezione chiara e cioè che noi e i decisori chiave, che siamo piuttosto sofisticati sia presso banche centrali che le varie istituzioni, la lezione chiave è che non imparano le lezioni perché, temo, siamo di nuovo quasi nella stessa situazione, ormai, 10 anni dopo il 2008, e lo schema di tutte queste crisi è sempre lo stesso. In effetti, penso che sia un ottimo punto con cui iniziare perché è una domanda fondamentale e, ovviamente, molte persone si chiedono questo: perché esattamente abbiamo avuto la crisi? Bene, nei media si ottengono molte storie dettagliate. Oh, mutui subprime e alcuni concetti tecnici, sai, derivati, crediti CDS, e tutto suona molto specifico e, quindi, ogni crisi ha i suoi acronimi e i suoi termini specifici e quindi c'è l'impressione che, mentre ogni crisi è diversa, sai, non avevamo i subprime nella precedente ...

 

Stefan: Questa volta sarà diversa, giusto?

 

Werner: Sì esattamente, esattamente. Ma in realtà le crisi sono sempre le stesse e sebbene queste espressioni degli strumenti particolari che diventano un fattore scatenante o che vengono usati parecchio in quella particolare crisi, variano, ma sono tutti lo stesso tipo di strumenti e la causa, la causa economica e il meccanismo, è sempre lo stesso e forse dovremmo iniziare molto brevemente con quello perché una volta capito perché abbiamo queste crisi e come funzionano, allora sarebbe molto più facile immaginare cosa succederà dopo.

 

Stefan: Giusto, ieri abbiamo parlato molto di multilateralismo qui sul palco, e durante il pranzo e la cena, la domanda centrale è: il multilateralismo può sempre funzionare? Ora, a livello finanziario, abbiamo ovviamente parlato della banca centrale. Sei stato molto critico nei confronti delle banche centrali nel tuo lavoro, dacci il tuo senso qui, come un grande osservatore della banca centrale. La banca centrale ha imparato? Hai detto di no. Cosa faranno? Cosa stanno facendo ora? Cos'è e cosa non è giusto, secondo te.

 

Werner: Per rispondere a questa domanda dobbiamo esaminare cosa sono le banche centrali e come operano e questo ci permette di spiegare come funziona il sistema bancario e perché abbiamo crisi bancarie ricorrenti. Lasciami dire. Risale infatti a una domanda fondamentale: come operano le banche? E in realtà ci sono state tre teorie sull'attività bancaria, per oltre un secolo, tre diverse spiegazioni, e sono sicuro che le avrai incontrate tutte e tre, in una fase o nell'altra.

La teoria attualmente dominante è che tutte le banche sono solo intermediari finanziari, e questa viene rafforzata molto dalle notizie finanziarie, dalle dichiarazioni della banca centrale e anche da loro, se si guarda alla letteratura accademica e di ricerca, a cosa dicono le principali riviste. Il Journal of Finance, l'American Journal, considerato il numero uno della zona, considera oggi le banche come intermediari finanziari. Cosa significa questo? Ciò significa che le banche raccolgono depositi da un lato, poi fanno le loro cose, le loro analisi e la loro valutazione del rischio di credito, tutte queste cose, qualunque cosa sia, buona o cattiva, e poi prestano quei depositi. quindi sono solo nel mezzo come intermediari. C'è la teoria degli intermediari bancari che è attualmente dominante anche nella regolamentazione bancaria. Come effettivamente le autorità di regolamentazione guardano alle banche e come le regolano. L'intero approccio alla regolamentazione, che sapete è questo approccio di Basilea, possiamo tornare nello specifico ma questo approccio di Basilea si basa anche sul presupposto, la convinzione, che le banche siano solo gli intermediari: raccolgono depositi e li prestano ... Ora, se torni indietro in questo Journal of Finance agli anni '60 potresti confonderti perché è lo stesso giornale, ma negli anni '60 si parlava in modo molto diverso, in questo giornale, perché allora ancora solo la precedente teoria bancaria era dominante , che è stata dominante dagli anni '20 agli anni '60, e di quella avrete anche sentito, forse una o due volte prima, la teoria della riserva frazionaria del settore bancario. Questo è collegato a un altro concetto noto come moltiplicatore di denaro. Penso che molte orecchie di coloro che non hanno studiato economia e finanza, dovrebbero tendersi ora. Quando ero uno studente e ho sentito questo moltiplicatore di denaro - whoo, sembra interessante - ho pensato, cos'è, il moltiplicatore di denaro, l'albero magico dei soldi? Quindi, beh, solo molto brevemente. In effetti, c'è una somiglianza tra la teoria del moltiplicatore monetario della riserva frazionaria della moneta bancaria e la teoria dell'intermediazione del settore bancario. Vale a dire, dice di sì, ogni singola banca è un intermediario. È anche questa teoria della riserva frazionaria che dice questo, ma dicono che, quando metti insieme molte banche, hai molte banche ora che interagiscono e fanno le loro cose sovrapponendosi, interagendo, poi succede qualcosa. In qualche modo, in questo sistema, mentre le banche interagiscono e operano insieme, si crea denaro. È in corso la creazione di denaro. Non è la banca centrale, non stiamo parlando della creazione di moneta della banca centrale, ok? Ora, i dettagli tecnici effettivi sono un po' complessi, gli studenti sono sempre confusi, e in realtà c'è un motivo: deve essere apposta fonte di confusione. Quindi, non preoccuparti se pensi che questo suoni un po' confuso, puoi cercarlo più tardi: "teoria della riserva frazionaria del settore bancario", "moltiplicatore di denaro". Il punto principale è che ogni banca non è un intermediario, un mediatore, ma nel complesso, collettivamente, ed è interessante che ci sia un riconoscimento che dobbiamo guardare a qualcosa di sistemico che è diverso da ogni singola banca, qualcosa accade e il denaro viene creato. Ovviamente puoi immaginare se è vero, e se si crea denaro, questo avrà un impatto, ci saranno delle conseguenze. Ciò significa quindi che dovrebbe esserci un approccio diverso alla regolamentazione bancaria, e l'approccio alla regolamentazione bancaria che va di pari passo con questa teoria bancaria del moltiplicatore monetario a riserva frazionaria, è il vecchio approccio dell'obbligo di riserva della regolamentazione bancaria che era dominante, in effetti, durante quell'epoca in cui la stessa teoria della riserva frazionaria era dominante, fino all'inizio degli anni '80. Persino la Federal Reserve e la Bank of England stavano esaminando i requisiti di riserva. È un po' monetarista, sai, guardare agli aggregati monetari, ma poi è stato demolito dal 1960 in poi, questa teoria dell'intermediazione finanziaria del settore bancario è diventata dominante, e poi abbiamo l'approccio di Basilea che è tutto sull'adeguatezza del capitale, è tutto capitale non riserve, torneremo su questo regolamento ma, ok, ora c'è un'altra teoria del settore bancario. Devi sentire la terza ora, ora che siamo arrivati ​​a questo punto. Vale a dire, fino a circa gli anni '20 questa teoria era dominante, e questa teoria dice che no, le banche non sono intermediari finanziari, né individualmente né collettivamente. Quindi questa è una teoria diversa. Questa teoria dice che quando una banca concede un prestito, un prestito bancario - si parla di banche ordinarie, banche commerciali - quando concede un prestito bancario, allora si crea denaro. Il denaro viene creato essenzialmente dal nulla. Gli economisti tendono a scrivere ex nihilo perché è un po' imbarazzante dire "dal nulla". È troppo ovvio, sembra troppo scioccante, quindi mettilo in latino, suona più tecnico. Questa teoria è stata dominante fino agli anni '20. Ora, abbiamo tutte queste tre teorie. Se la vecchia teoria secondo la quale le banche creano moneta, nota come teoria della creazione di credito del settore bancario, è corretta, allora è necessaria anche una regolamentazione bancaria coerente con quella teoria, e non è l'approccio della riserva frazionaria all'approccio dell'obbligo di riserva, e non è l'approccio corrente di Basilea. Si noti che l'approccio di Basilea non ha avuto molto successo. Abbiamo avuto così tante crisi bancarie da quando l'approccio di Basilea è stato introdotto negli anni '80, Basilea 1, Basilea 2, Basilea 3 ... è come quelle, sai, puntate di film.

 

Stefan: Potresti spiegare brevemente di cosa si tratta, non sono sicuro che tutti conoscano Basilea 1, 2, 3 ...

 

Werner: Sì. Questo è l'approccio attualmente dominante alla regolamentazione bancaria e l'idea fondamentale è che, beh, possiamo in qualche modo contenere, controllare e regolamentare le banche se diamo loro l'obbligo di detenere capitale, chiamiamolo capitale, ora. Questo capitale è proprio come quando guardi il bilancio di qualsiasi azienda, o anche una banca, hai il patrimonio degli azionisti. Quello è il capitale. Esistono alcuni tipi leggermente diversi che possono esistere, ma non è necessario approfondire questo argomento. Questo è il capitale e le banche, quindi prima della crisi del 2008, non avevano molto capitale. Le grandi banche operanti a livello internazionale avevano capitale intorno al due o tre per cento del loro bilancio. Questa, a proposito, è già una rapida spiegazione del motivo per cui abbiamo avuto tutte queste crisi bancarie, perché puoi averle molto rapidamente. In particolare se la più antica teoria del comportamento delle banche - la teoria della creazione di credito - è corretta, le banche creano denaro, questo avrà delle conseguenze, e quindi l'approccio di Basilea impone requisiti patrimoniali, devi tenere l'8% semplificato, e non è del tutto vero per il grandi banche dato che le emissioni erano molto meno dell'8%, del tuo bilancio, in capitale, quindi questa è una sorta di sicurezza per garantire la stabilità, si pensava, ma non è vera la causa e per rispondere a questo dobbiamo ora porci questa domanda fondamentale. Sono sicuro che vuoi sentirla finalmente. Quindi, quale di queste teorie è vera e quindi posso rispondere correttamente alla tua domanda su Basilea. Quale delle tre teorie è vera, perché Basilea è collegata alla teoria attualmente dominante, che le banche sono solo intermediari e, se fosse vero, allora Basilea ha la possibilità di funzionare. Ora, abbiamo famosi economisti che supportano tutte queste teorie, e la teoria della creazione di credito è supportata da Schumpeter, ad esempio, l'economista austriaco, e anche il giovane Keynes l'ha sostenuta. Quindi la teoria della riserva frazionaria era supportata da Alfred Marshall, famoso economista neoclassico, e anche dal Keynes un po 'più anziano e da molti altri economisti; e poi abbiamo avuto la teoria dell'intermediazione finanziaria che è supportata essenzialmente da tutti gli economisti, oggigiorno, ma quale è vera? Dobbiamo testarlo empiricamente, è quello che pensavo. Oltre un secolo di dibattiti ma nessun test empirico? Qual è il modo scientifico per farlo? Prova empiricamente questo. Ebbene, tutte e tre le teorie differiscono quando si tratta della domanda: da dove vengono i soldi. In realtà è scritto un libro con quel titolo, Da dove vengono i soldi, perché quando prendi un prestito da una banca la domanda è "da dove vengono i soldi per il prestito", ecco dove le tre teorie differiscono. La teoria dell'intermediazione finanziaria dice, oh le banche prendono depositi e poi questi depositi vengono prestati, quindi il denaro proviene solamente dai depositi. La teoria della riserva frazionaria afferma che le banche devono detenere riserve in eccesso per prestare, e quindi il denaro per il prestito proviene da riserve in eccesso; e la teoria della creazione di credito, puoi indovinare questa, dice che il denaro viene dal nulla, le banche creano il denaro dal nulla. Perché questa è la teoria più scioccante, quindi, ho eseguito questo esperimento alcuni anni fa. Ho effettivamente preso un prestito da una banca, e la banca ha collaborato con me in questo esperimento, questo test empirico, perché gli ho detto: guarda, prendo il prestito, trasferisco i soldi da te alla mia vecchia banca, e voglio che tu mi mostri esattamente cosa stai facendo. Quali transazioni, quali iscrizioni stai facendo internamente al tuo sistema. Voglio vedere da dove proviene il denaro che viene registrato sul mio conto: è un approccio ragionevole. Ci è voluto molto tempo per convincere una banca a collaborare. Inizialmente, tutti hanno detto sì, certo, lo faremo, le grandi banche, e poi quando si tratta di voler effettivamente vedere i loro sistemi, 'oh no, no, no, questo è troppo sensibile' e... tutta una serie di ragioni, per cui non potevo vederlo, ma sono poi riuscito a trovare una banca in Germania che ha collaborato. In realtà abbiamo avuto la BBC, lì, a filmare questo test empirico. Ho preso in diretta un prestito di 200mila euro e lo avrei trasferito dalla banca, e abbiamo guardato le iscrizioni e cosa hanno fatto, e abbiamo scoperto da dove venivano i soldi. Non sono stati trasferiti da nessun altro conto all'interno o all'esterno della banca. Non provenivano da depositi. Non provenivano dalle riserve della banca centrale.

In effetti, a loro non importava delle loro riserve. Non guardavano nemmeno quanto avevano. Le riserve non sono state interessate. Sono stati creati al momento. Come funziona? Ebbene, il modo migliore per capirlo se si guarda alla legge, e questo è, ovviamente, uno dei motivi per cui gli economisti non capiscono il settore bancario e perché escludono le banche in tutti i loro modelli economici. Perché non guardano mai la legge. La legge è la realtà. Se hai un problema, beh, puoi usare la legge per rivendicare i tuoi diritti, e il tribunale deciderà, e questo è il risultato, e puoi contestarlo a un tribunale superiore, ma alla fine, sai, il più alto il tribunale prenderà una decisione e basta. Questa è la realtà. Allora, cosa dice la legge sul settore bancario. Gli economisti considerano le banche come istituzioni di deposito che prestano denaro. Questa è una definizione standard degli economisti. Ma quando studi la legge nel paese che ha inventato il sistema bancario moderno, che è l'Inghilterra del XVII secolo, ed è allora che è stato creato questo sistema legale ed è sempre lo stesso, la legge ci dice: è una storia diversa. Le banche non sono istituti di raccolta di depositi e non prestano denaro, questo è ciò che dice la legge. Come funziona? Per legge, e abbiamo sentenze della Corte Suprema su questo, non esiste una cosa come un deposito bancario. Non esiste. Allora che succede quando depositi i tuoi soldi in una banca? Abbiamo la sensazione e ci viene data l'impressione che quando metti i tuoi soldi in banca, "sono i miei soldi". Infatti se fai un sondaggio le persone rispondono no, i soldi in banca appartengono a me, sono i miei soldi e li tengo in deposito. La banca se ne occupa, ma sono soldi miei. Posso chiederglieli come rimborso in qualsiasi momento, ma per legge non è vero. Per legge non esiste una cosa come un deposito bancario. Non è tenuto in custodia, non è tenuto per te. Non sei il proprietario del denaro in banca. Il denaro detenuto in deposito presso una banca è di proprietà esclusiva della banca. Erano i tuoi soldi prima di depositarli. Quando è depositato presso la banca, la banca lo possiede e quali diritti hai? Sei un creditore. Quindi, cosa significa: i soldi in banca sono un prestito che hai dato alla banca e sei solo un creditore generico. Ecco perché le banche non accettano depositi: prendono in prestito denaro e noi glielo prestiamo. Siamo creditori generici. Possiedono i soldi e possono fare quello che vogliono. Sono i proprietari di questi soldi per legge. Molto chiaro, ok, ma sicuramente prestano il denaro. Cos'altro farebbero con questi soldi? No, non c'è banca che abbia mai prestato denaro. Per legge, ancora una volta, molto chiaro, come funziona? Molto intrigante. Ho pensato ...

 

Stefan: Questa sarebbe la mia domanda ...

 

Werner: Vai in banca e dici: voglio prendere in prestito denaro. Ora, una cosa importante è il contratto di prestito e te lo faranno firmare. Ora quello che succede alla legge è: nel momento in cui hai firmato il contratto di prestito prenderai in prestito X somma di denaro e rimborserai questi soldi a questa data con i suoi interessi, qualunque cosa, in quel momento, una volta che l'hai firmato, tu hai emesso un titolo, uno strumento di debito. Ecco cos'è questo lungo contratto per legge. Quindi, quello che fa la banca, quando ti dà un "prestito" come lo chiamiamo e "ti presta" denaro come lo chiamiamo noi, per legge non fanno nulla del genere. Sono nel business dell'acquisto di titoli. Acquisteranno il pagherò, lo strumento di debito che hai emesso. La banca lo acquisterà da te. Va bene, non mi interessa. Voglio solo i soldi quando ricevo il prestito. Ah, hai ragione. La banca ora ti deve dei soldi. Quindi la banca ti deve dei soldi, beh, questo è ciò che chiamiamo deposito. Giusto ? Un deposito è quando la banca ti deve dei soldi e il record di quanti soldi la banca ti deve è chiamato deposito, ed è quello che ottieni. Ottieni una registrazione di quanti soldi ti deve la banca, e questo è tutto ciò che ottieni perché è quello che fanno le banche. Quindi, acquistano il tuo strumento di debito e poi registrano il loro debito nei tuoi confronti, ed ecco un trucco contabile, e in realtà in un altro documento pubblicato, trovalo online, potrei dimostrare che in realtà c'è un leggero, beh, aspetto di inesattezza, detto diciamo educatamente, nel settore bancario, perché tecnicamente, dal punto di vista dei contabili, ora hanno una passività da pagare nei tuoi confronti, giusto? Hai firmato il lungo contratto, dovrebbero darti denaro - conti debitori per le banche - ma le banche registreranno ora, questa passività chiamata passività debitoria, come un altro tipo di passività che suona molto più conveniente per i banchieri. Vale a dire, "deposito del cliente", ed è così che te lo mostreranno, e questo è nel tuo estratto conto. In altre parole, la banca inventerà un deposito fittizio per il mutuatario, ed è così che viene creata l'offerta di moneta. Ho fatto un sondaggio a Francoforte su 1000 persone, gli studenti mi hanno aiutato a farlo, e abbiamo chiesto per le strade intorno all'Università, quindi probabilmente un livello di istruzione leggermente superiore alla media, ma non importa. Il bias potrebbe essere nella giusta direzione. Abbiamo chiesto loro: chi pensi che crei l'offerta di moneta nell'economia? La maggior parte dell'offerta di moneta e, naturalmente, la maggioranza, oltre il 90% risponde: beh, è ​​la banca centrale, no? Banca centrale o governo. Ma non è vero, la banca centrale crea solo il 3% dell'offerta di moneta e la risposta corretta è: la maggioranza, la stragrande maggioranza, il 97% dell'offerta di moneta, è creata dalle banche quando prestano denaro. Quindi, anche questo era il risultato del test empirico. Si scopre che l'offerta di moneta è creata dalle banche e da dove viene il denaro per un prestito bancario? È stato creato dal nulla dalle banche e, per questo motivo, è la teoria della creazione di credito, la teoria più antica, ad essere corretta. Ora è stato dimostrato empiricamente, puoi cercare su Google "può la banca creare individualmente denaro dal nulla" lo otterrai. È il documento di ricerca più scaricato di qualsiasi pubblicazione accademica di Elsevier ... [ Can banks individually create money out of nothing? — The theories and the empirical evidence ]

 

Stefan: Sì, Elsevier è una grande casa editrice scientifica, giusto.

 

Werner: Grazie, e questo significa che è la teoria più antica ad essere corretta, e quindi per la regolamentazione bancaria, per tornare alla tua domanda su Basilea, abbiamo bisogno di un approccio normativo bancario che riconosca questa realtà che le banche creano denaro. L'approccio di Basilea utilizza la teoria dell'intermediazione finanziaria e pensa: avendo requisiti di capitale possiamo contenere le banche ed evitare crisi. Ma non è vero perché è l'approccio alla creazione di credito che è corretto. Le banche creano denaro dal nulla. Hai sentito parlare di Credit Suisse, o Barclays, nel 2008? Ebbene, come sono usciti dalla crisi? In realtà erano fallite come tutte le grandi banche, ricordi? Nel 2008. Ma sono falliti? Avevano bisogno di soldi pubblici? No, non lo fecero. Cosa hanno fatto? Erano intelligenti. Erano consapevoli di questo, e i responsabili delle decisioni nella crisi, sai, nella crisi sei sotto pressione, si sono ricordati che le banche creano denaro dal nulla. Perché dovremmo fallire? Hanno creato il proprio capitale dal nulla. Come si fa a farlo? Bene, hai bisogno di un mutuatario. C'era un mutuatario: il sovrano del Qatar. Avevano rapporti con loro, rapporti d'affari, e così avevano bisogno improvvisamente di dieci miliardi circa, cioè dieci miliardi di dollari di capitale.

Bene, creiamolo dal nulla. Prestiamolo a qualcuno come il Qatar, ovviamente deve essere un grande giocatore per prendere in prestito dieci miliardi ed essere credibile. Acquisteranno le nostre azioni di nuova emissione di dieci miliardi e possiamo creare il denaro dal nulla per il nostro capitale. È esattamente quello che hanno fatto. In un certo senso, non dovremmo fare ciò che si sta facendo ora nel Regno Unito: il Serious Fraud Office li insegue per frode. Beh, fanno solo operazioni bancarie e fanno risparmiare ai contribuenti miliardi e miliardi di soldi. In effetti, questo ci dice che possiamo uscire da qualsiasi crisi senza usare il denaro dei contribuenti e senza ridurre la spesa per il welfare pubblico con la conseguenza dell'austerità, perché possiamo semplicemente usare la realtà della contabilità bancaria per uscire in modo pulito da qualsiasi crisi bancaria, e questo è anche ciò che le banche centrali hanno fatto e messo in passato, quando non volevano che una crisi bancaria si trasformasse in una grave recessione. Hanno appena risolto il problema in questo modo. Puoi farlo in una mattina e non avrai una vera crisi bancaria, e non avrai una recessione. Questo è ciò che ha fatto Ben Bernanke, nel 2008, e lui in realtà era ... Ho proposto tutte queste cose negli anni '90 in Giappone in questi grandi dibattiti che abbiamo avuto, dove ho anche proposto il quantitative easing, e Bernanke si stava unendo a questi dibattiti ed era nel 2008 l'unico banchiere centrale a attuare il mio consiglio, il vero quantitative easing , perché gli altri hanno leggermente modificato la definizione. Fase uno: hai un sistema bancario fallito. Il capitale e l'approccio di Basilea non sono sufficienti, sai, è comunque una piccola quantità, e quando le banche hanno creato denaro, lo usano per le transazioni finanziarie, spingono verso l'alto il prezzo delle attività del tre quattrocento percento, il che è dovuto alle banche che hanno creato soldi per transazioni finanziarie. Al culmine, se i prezzi delle attività scendono del dieci percento, hai già esaurito tutto il capitale per i prestiti in sofferenza, sei fallito. Quindi, ecco perché abbiamo le crisi bancarie. Quindi, come puoi uscirne rapidamente senza alcun costo per il contribuente? È molto semplice. La banca centrale interviene, va dalle banche e dice: oh, hai attività deteriorate più grandi del tuo capitale. Siete falliti, tutti voi. La maggior parte del sistema bancario, sempre la stessa storia. Nessun problema. Perché non vogliamo che una crisi bancaria si trasformi in una grande recessione. Ti lasceremo fuori questa volta. Metteremo in atto misure per prevenirlo in futuro, parleremo di cosa sono, ma ti tireremo fuori da questo ora. Non usi i soldi delle tasse, è costoso, che aumenta il debito nazionale. L'Irlanda era a posto fiscalmente, ma poiché la BCE l'ha costretta a fiscalizzare tutte le attività bancarie deteriorate, l'Irlanda è fallita e ha dovuto chiamare il FMI. No, non lo facciamo. La banca centrale interviene, va dalle banche e acquista le attività deteriorate al valore nominale, e il problema è risolto. Non ci sono costi, ed è esattamente quello che ha fatto Bernanke. Ecco perché nel settembre ottobre 2008 il bilancio della Federal Reserve è quadruplicato in un mese. Questo non crea inflazione. Alcune persone pensavano in quel momento wow! Otterremo l'iperinflazione adesso. Stanno gonfiando la loro via d'uscita! No, no. Se vuoi creare inflazione, alcuni paesi provano a farlo, presumibilmente, come il Giappone per 20 anni, non funzionerà con questo metodo, perché non si crea denaro. Perché stai solo spostando le attività tra la banca centrale nelle banche, nel modo giusto, lontano dai bilanci delle banche dove sono dannose, alla banca centrale, dove non possono fare alcun danno ma non immetti denaro nel settore non bancario. Quindi non puoi creare inflazione. Oh, ma aspetta, il dollaro sta per crollare! Ebbene, no, come ho detto all'epoca, e si è rafforzato. Perché? Perché non stai creando soldi. Stai risolvendo il problema nel sistema bancario, le banche sono di nuovo in salute, hanno bilanci solidi e possono prestare di nuovo, e lo hanno fatto in America, che è il primo paese a uscire dalla crisi da allora crescita molto forte del credito bancario , purtroppo troppo. Ecco perché siamo tornati nello stesso punto. Continuano a creare credito per le transazioni finanziarie. È così che eviti di entrare in questa situazione al primo posto in cui le banche sono instabili. Poiché le banche creano denaro, devi dividere il flusso di creazione di credito delle banche in due: per l'economia reale e per le transazioni finanziarie, perché non fanno parte dell'economia reale. Se le banche creano credito per le transazioni finanziarie, stai creando una bolla patrimoniale che è sempre insostenibile e alla fine porterà sempre a una crisi bancaria, se è abbastanza grande. Quindi, all'inizio degli anni 2000, stavo avvertendo che, in Europa, la BCE, che è di recente creazione, avrebbe creato bolle di asset guidate dal credito bancario, crisi bancarie, disoccupazione, ampie recessioni nella zona euro. Questo è esattamente quello che hanno fatto in Irlanda, Portogallo, Spagna e Grecia, sulla base di una crescita del credito del 30% per: quanti anni? - tre quattro anni. Molto di più della crescita del PIL, questa è tutta la creazione di credito da parte delle banche per transazioni di asset, proprietà, immobili, è così che fai saltare in aria questi paesi, ed è quello che ha fatto la BCE.

 

Stefan: Hai menzionato l'economia reale. Dove sono le banche, dov'è il settore bancario, dove sono le banche centrali in tutto questo: ci partecipano mentre, sai, creano denaro? Creano valore? Fanno parte del PIL più ampio? Cosa puoi dirci al riguardo.

 

Werner: Prima di tutto, qual è il legame tra banche e PIL? Le banche hanno un ruolo cruciale. Sono, in quelle che chiamiamo le nostre economie di mercato, il centro di controllo decisionale dell'intera economia. Perché? Perché creano l'offerta di moneta e decidono chi riceve i soldi per quale scopo. È una decisione importante? Puoi scommetterci, lo è. In effetti, questa è la decisione che rimodella completamente il panorama economico in pochi mesi, o anni. La decisione di chi ottiene il potere d'acquisto, per quale scopo: denaro appena creato. Quindi, le banche sono il centro di controllo dell'economia, ed è per questo che dobbiamo distinguere tra prestiti bancari per transazioni che aumentano il PIL , quindi ottieni un'elevata crescita economica e nessuna inflazione, creazione di posti di lavoro, tutto è stabile, ottieni anche meno disuguaglianze , ottieni più qualità, ma se le banche creano denaro per scopi improduttivi, o per il consumo, allora ottieni solo una crescita del PIL nominale ma una crescita del PIL reale inferiore, ottieni un'inflazione che non è buona, è ben riconosciuto, ma il problema più grande è stato che negli ultimi 30 anni le banche hanno creato denaro per scopi improduttivi che sono transazioni di asset. Non fanno parte del PIL, e quando le banche fanno questo prestito bancario per la proprietà, prestito bancario per attività, mercato azionario, qualunque transazione di strumenti finanziari, prestiti a fondi di private equity, a hedge fund, investimenti in strumenti finanziari, che le banche fanno molto perché tutta la leva di questi fondi proviene dalle banche, dal semplice prestito bancario vecchio, dalla creazione di credito bancario. Quindi, questa creazione di denaro per le transazioni di asset, ovviamente, sta spingendo verso l'alto i prezzi degli asset creando queste bolle di asset. Mentre succede sembra stabile perché stiamo tutti facendo soldi, tutti stiamo avendo dei rendimenti, ma sono tutti basati sulle plusvalenze e sulle aspettative di plusvalenze, e ciò continuerà solo finché le banche continueranno a creare nuovo denaro per le transazioni di asset. È un gioco di sedie musicali. Se togliamo tutte le sedie dove non è seduto nessuno, e poi abbiamo solo tutte le sedie dove siete seduti nella stanza, e poi ne prendiamo una, e chiediamo a tutti voi di alzarvi, togliamo una sedia. Bene, in questo gioco di sedie musicali abbiamo la musica, e se la musica si ferma tutti devono sedersi. Ma manca una sedia. Ebbene, questa è la creazione di credito per le transazioni finanziarie. È un gioco di sedie musicali: quando la musica si ferma è allora che le banche non espandono più la creazione di credito per le transazioni finanziarie. Ma quando lo fermano o lo rallentano, allora non ci saranno abbastanza sedie per gli speculatori - coloro che hanno preso in prestito denaro e investito in strumenti finanziari - su cui sedersi. Ci saranno fallimenti. Ma nel momento in cui ci sono i fallimenti, le banche avranno prestiti in sofferenza. Le banche diventano più avverse al rischio, riducono i prestiti, poi mentre riducono i prestiti, mentre i prezzi scendono ulteriormente, ci sono sempre meno sedie, ci sono più fallimenti e, naturalmente, finirai con una massiccia crisi bancaria. Questo è il meccanismo. Quindi, la risposta alla tua domanda è: un collegamento è che in realtà le banche sono al centro dell'allocazione delle risorse e possono determinare, con la loro decisione di prestare, se otterremo una crescita economica equa elevata e stabile, senza crisi, senza inflazione che è possibile, questo è lo scenario che le economie dell'Asia orientale hanno implementato. In effetti, non vi ho detto qual è il regime di regolamentazione delle banche regolamentari in linea con un approccio di creazione di credito alla banca, per capire le banche, che è il vero approccio. È guida al credito, guida diretta del credito bancario, guida finestra, nota anche come controllo del credito. Sembra un po 'più duro, ma è buona guida creditizia, è più in linea, ed è lo strumento chiave utilizzato in Giappone, in Corea e Taiwan, e poi adottato dalle banche che aiutano in Cina a creare il miracolo economico cinese di forte crescita, e , se lo fai, otterrai una crescita elevata. Ma se le banche creano credito per le transazioni di asset, creerai semplicemente queste bolle di asset, crisi bancarie e maggiore disuguaglianza e tutti questi problemi, e questo è ovviamente ciò che sta accadendo nella maggior parte degli altri paesi perché i regolatori bancari non hanno chiesto alle banche di farlo. creare credito per scopi produttivi. È abbastanza straordinario, sai, le banche prendono queste decisioni chiave ma nessuno gli ha detto, oh, fai attenzione, quando prendi questa decisione, dovresti creare credito e prestare principalmente a fini produttivi per investimenti aziendali, per implementare nuove tecnologie, per aumentare la produttività che crea posti di lavoro non è inflazionistica anche in condizioni di piena occupazione. Puoi avere più crescita se hai una creazione di credito produttiva. Non c'è quasi limite alla crescita perché il limite è la tecnologia, le idee che vengono dagli esseri umani, fintanto che abbiamo esseri umani e possiamo avere più esseri umani se abbiamo un quantitative easing per avere più bambini. Con un bonus QE per bambini, creato dal credito per avere più bambini, la fertilità aumenta, sai, tutte queste cose sono possibili una volta che hai capito la creazione del credito. Tutti i problemi che abbiamo a che fare con l'economia, inclusi i dati demografici, possono essere risolti. Ma la seconda risposta alla tua domanda è come si inseriscono le banche nelle nostre statistiche standard del PIL, e questa è una domanda molto profonda che ti stai chiedendo. perché anche le statistiche che fanno, sai, i nostri conti del PIL, i contabili del reddito nazionale come sono conosciuti, e ogni paese ha grandi calcolatori di agenzie con persone molto intelligenti. Anche loro non hanno davvero risolto questo problema.

L'altra risposta alla tua domanda, perché quando calcoliamo il PIL, sai, abbiamo la misura della spesa , abbiamo la misura del reddito e la misura della produzione , tre approcci. Normalmente parliamo del metodo di misura della spesa , sai, consumi, spesa pubblica, investimenti, esportazioni nette, dove si inseriscono le banche in questo? Come facciamo a coinvolgere le banche in questo? In realtà, non è davvero chiaro. Perché? Perché l'approccio nella contabilità del reddito nazionale è che mentre si misura il valore aggiunto, si misura il valore aggiunto e lo si somma.

Allora dove si inseriscono le banche? Qual è il loro valore aggiunto? Buona domanda. Dovrebbero essere, secondo la teoria ufficiale, dovrebbero essere solo un intermediario, un mediatore. Non c'è niente che non sia realmente pensato per essere un valore aggiunto netto perché il margine di intermediazione che fanno pagare, se lo chiamiamo valore aggiunto, sarà minuscolo, dovrebbe essere minuscolo, ma ovviamente non è quello che sta succedendo. Le banche si appropriano essenzialmente di molte risorse che stanno pagando a loro stesse, e questo è in qualche modo, questo, in realtà non è un valore aggiunto, nella maggior parte dei paesi, per l'economia. È come uno scarico netto, un costo, una perdita.

Quindi, il reddito nazionale conta per dire, va bene, ma è troppo complicato cercare di capire cosa le banche stanno aggiungendo di valore all'economia. Forse non c'è molto di visibile in corso. Quindi creiamo solo un valore teorico che chiamiamo "imputazione", e assumiamo un numero, e aspettiamo, mettiamolo lì e aggiungiamolo al PIL, ed è quello che stanno facendo attualmente. Perché il fatto è che, con il tipo di sistema bancario che abbiamo attualmente nella maggior parte dei paesi, non è chiaro quale valore le banche stiano aggiungendo all'economia.

 

Stefan: Sì, è molto interessante. Voglio aprirmi alle domande del pubblico. Posso immaginare che nessuno abbia domande, ma mentre ci pensi, voglio chiederti di parlare dei tuoi progetti attuali. So che lavori con e sulle banche comunitarie. Raccontaci di questo, per favore.

 

Werner: Sì. Grazie mille. In effetti, un'altra parte della domanda precedente che hai posto era dove si inseriscono le banche centrali in questo, e anche in risposta a ciò parlerò delle banche comunitarie. Quindi, in breve, dove si inseriscono le banche centrali in questo? Ebbene, le banche centrali di molti paesi sono colpevoli di inosservanza dei doveri, perché non hanno assicurato che la creazione di credito bancario avvenga per scopi produttivi. Di conseguenza, non abbiamo ricevuto ciò che possiamo ottenere, ovvero una crescita economica elevata abbastanza facilmente stabile che offre la creazione di posti di lavoro, nessuna inflazione e nessuna crisi bancaria. Non è quello che abbiamo, quello che abbiamo, ma quello che abbiamo è che le banche centrali stanno diventando sempre più potenti ma non usano questi poteri per darci buoni risultati. Infatti, nel mio libro "Princes of the Yen", e anche "New paradigm in macroeconomics" - Princes of the Yen è quello che è stato un best-seller in Giappone - ho avvertito che la prossima - questa è uscita prima della crisi del 2008, Princes of the Yen e ora è appena uscita la nuova seconda edizione - avverto che ci sarà un'altra grande crisi finanziaria, una crisi finanziaria globale anche in Princes of the Yen , e le banche centrali chiederanno più poteri, perché sosterranno "è perché non eravamo così potenti, ecco perché abbiamo questa crisi", il che non è vero, e l'ho fatto notare prima della crisi, ma poi è esattamente quello che ho avvertito che sarebbe successo, e purtroppo, è successo. Abbiamo avuto la crisi e qual è stato il risultato? La banca centrale dice fino in fondo sulla crisi, perché le banche centrali non sono abbastanza potenti, dobbiamo dare loro ancora più poteri e dobbiamo creare più agenzie, e così alle banche centrali sono stati dati ancora più poteri. Negli ultimi 40 anni le banche centrali sono state rese indipendenti dai governi, a livello globale, e l'idea era che se diamo loro più poteri, otteniamo risultati migliori, e questo non è assolutamente vero. Abbiamo avuto sempre più crisi bancarie, cicli di espansione e contrazione, la creazione di credito non funzionava, non veniva utilizzata, per scopi produttivi, e tuttavia rivendicano sempre più poteri. Ma non è vero per alcuni paesi, sai, sto un po 'generalizzando perché abbiamo delle banche centrali molto buone là fuori, che fanno il loro lavoro, che lavorano con il governo non necessariamente essendo totalmente, sai, sotto il controllo del governo, ma si rendono conto che siamo sulla stessa barca. Vogliono lo stesso risultato del governo e collaborano in modo molto positivo e costruttivo con il governo, garantendo stabilità e crescita elevata. È possibile, ci sono alcuni esempi. Ad ogni modo, ma la tendenza è che le banche centrali acquisiscano sempre più potere e non forniscano i risultati giusti, e ho lavorato in Giappone per 12 anni. Alla fine ero, beh, una figura finanziaria abbastanza nota, con un best seller là fuori, uscivo su tutti i media e così via, e mi è stato anche chiesto dal Partito Liberal Democratico al governo di consigliarli, come consigliere ufficiale, al loro gruppo di riforma monetaria, e così mi sono avvicinato alle leve del potere: il presidente del consiglio, il ministro delle finanze - prima di diventare ministro delle finanze mi ha consigliato molte volte - e quello che ho scoperto è che anche quando capiscono quello che io sto dicendo, e loro sono d'accordo, e sono d'accordo su ciò che si doveva fare, non stava accadendo. Non stava assolutamente accadendo, e l'ho fatto per alcuni anni, e sono diventato un po' frustrato, e io ... quindi perché è questo ... e la risposta è che la resistenza al livello più alto del governo centrale è molto forte, perché gli interessi acquisiti, comprese le banche centrali e i grandi gruppi bancari, sono molto radicati. Essenzialmente possono manovrare i politici e possono assicurarsi che le cose vengano immunizzate dal cambiamento. Quindi, ho lasciato il Giappone e sono andato nel Regno Unito, cercando anche di pensare a cosa possiamo fare per migliorare le cose. È possibile avere questa crescita stabile senza crisi, garantire la creazione di posti di lavoro in modo equo e corretto, senza inflazione, sai, tutte queste cose sono possibili. Possiamo avere la piena occupazione, possiamo avere comunità e società fiorenti. Ho rinunciato all'approccio centralizzato e ho pensato che no, dobbiamo farlo dal basso verso l'alto. Perché, quando lo facciamo dal basso verso l'alto, possiamo implementare con il supporto di base di gruppi locali e, in realtà, letteralmente gruppi locali geograficamente, gruppi di comunità, possiamo stabilire reti alternative e studiare i sistemi bancari in tutto il mondo e mi sono reso conto, in realtà, nel tuo paese d'origine, la Germania, che è anche il mio paese d'origine, anche se sono all'estero da 32 anni, c'è un sistema bancario straordinario che è il migliore del mondo, ho dovuto concludere. Non sono partito affatto da questa conclusione, rispetto a tutti i sistemi bancari. In Germania, il 70% di tutte le attività bancarie è senza scopo di lucro, banche della comunità locale, e queste sono piccole banche. Prestano principalmente a piccole imprese. Le piccole imprese sono le principali creatrici di posti di lavoro nel mondo: il 70%, in alcuni paesi l'80%, dei posti di lavoro sono con le piccole e medie imprese, le PMI, e le piccole banche prestano alle piccole imprese. In realtà, abbiamo fatto uno studio sull'America. L'America è il più grande settore bancario: 15.000 banche. In America abbiamo preso tutti quei dati in 20 anni, solo per chiederci qual è il legame tra le dimensioni della banca e il prestito, e la dimensione del cliente, la dimensione del mutuatario, e il risultato è stato molto, molto ovvio per te ma, sai, noi economisti bisogno di elaborare i dati per vedere la realtà. Risulta che le grandi banche prestano solo alle grandi imprese. Le banche di medie dimensioni prestano a imprese di medie dimensioni. Chi presta a microimprese di piccole imprese? Solo piccole banche. Quindi, in paesi come il Regno Unito, dove hai un sistema bancario molto concentrato, cinque grandi banche hanno dominato l'attività bancaria. Il 90% del settore bancario è costituito da queste cinque grandi banche, nel Regno Unito, già dal secolo scorso. Ecco perché nel Regno Unito non abbiamo PMI fiorenti, piccole medie imprese, perché le banche non prestano loro. Per le grandi banche, non ha senso per loro. Non è razionale, è troppo costoso, quando sei grande, e hai bisogno di grandi ritorni e grandi risultati, per gestire i piccoli pesci. Quindi, la conclusione è stata: beh, cambieremo il sistema bancario creando nuove banche, banche di comunità locali di base, banche comunitarie senza scopo di lucro, sul modello del successo tedesco. Ti rendi conto che la Germania ha esportazioni essenzialmente grandi quanto la Cina? La Cina attualmente è leggermente avanti, negli ultimi tre anni, ma solo leggermente. Ma la Germania è una frazione della Cina in termini di popolazione. Com'è possibile ... e poi se abbassi quelle esportazioni, più della metà delle esportazioni tedesche proviene da piccole e medie imprese, non le grandi Siemens e BMW, e qualunque cosa tu chiami. No, sono queste piccole imprese sconosciute. Sono conosciuti come i campioni nascosti, sono leader di mercato nelle loro nicchie, campioni leader di mercato quando sei il numero uno, due o tre in termini di quota di mercato e sei nel tuo segmento industriale. La Germania ha il numero di gran lunga più alto di qualsiasi altro paese al mondo, con un gran numero di queste piccole medie imprese nascoste che sono leader mondiali nel loro mercato. Campioni nascosti perché queste sono piccole imprese di cui nessuno conosce il nome, ma sono globalmente dominanti nel loro mercato. La Germania ne ha quasi 1500, il numero due in classifica sono gli Stati Uniti come ci si potrebbe aspettare che facciano bene, anche se sono una frazione del numero tedesco: solo 300 negli Stati Uniti. Perché? Quindi, questo è il segreto del successo economico tedesco degli ultimi 200 anni, sono le piccole banche, le banche locali. Il gran numero di banche in Europa è in Germania, sono le banche della comunità locale, 1500 di loro. Purtroppo, in questo momento, la Bce fa la guerra a quelle. La BCE vuole ucciderle e questo sta accadendo, quindi il loro numero si sta riducendo, sai, è una politica ufficiale. Mario Draghi ha detto che ci sono troppe banche nella zona euro. Stava parlando di Goldman Sachs? Non credo proprio. Sta parlando del gran numero di banche che sono in Germania, e sono quelle banche comunitarie senza scopo di lucro. Questa è l'alternativa, questo è il futuro. C'è anche ciò che offre democrazia di base, perché sono responsabili a livello locale. Le loro banche stakeholder, banche cooperative, banche pubbliche locali, dove si riflettono le opinioni locali, e non prestano a fini speculativi, non prestano per progetti che sono pazzi e che portano a problemi, perché sono responsabili a livello locale , perché raggiungono solo geograficamente l'area locale. Quindi, sì, lo stiamo organizzando nel Regno Unito.

Stiamo iniziando con l'Hampshire, dove vivo, la banca della comunità dell'Hampshire. Raccogliamo denaro dalle autorità locali e dalle università, perché non hai bisogno di tanti soldi per avviare una banca e, tra cinque anni, avrà un bilancio ... raccogli quindici milioni di sterline come capitale, e dopo cinque anni avrai un bilancio di oltre trecento milioni di sterline prestato alle PMI locali. Ciò inizierà a cambiare il panorama economico poiché la creazione di credito viene utilizzata per scopi produttivi, offrendo una crescita economica stabile ed equa senza inflazione, senza crisi.

 

Stefan : Potrebbe essere un grande progetto dopo la Brexit. Ora voglio mantenere la mia promessa che ho fatto quindici minuti fa e lasciare che il pubblico faccia alcune domande. Penso che il signore qui sia stato il primo. Sta arrivando un microfono ... grazie ... sì, potresti semplicemente presentarti e ...

 

Grazie Richard, mi chiamo Vyacheslav Ivanov e vengo da Mosca, dalla Russia. Lavoro nel campo dell'energia e della finanza da più di 20 anni ma inoltre insegno in un corso in un'università di Mosca si chiama Casi bayesiani e fusioni e acquisizioni per i miei studenti, e la questione su cui discutiamo sempre è se sia lasciare che il regolatore gestisca le banche o dare più potere alle agenzie di autoregolamentazione e come lasciare le banche. In parte ci hai iniziato con questa domanda, ma sarebbe interessante se tu potessi approfondire un po 'di più e così come l'ultimo punto sulle dimensioni della banca e la piccola quantità di banche più piccole che prestano a società PMI se ha senso per l'economia e come sono regolate, il regolatore può imporre i propri poteri a un gran numero di banche più piccole, indipendentemente dal fatto che ciò possa portare a qualche abuso come è stato il caso in molti paesi, grazie.

 

Werner : Grazie mille. È un'ottima domanda, grazie per questa. Lo apprezzo, sì, le banche ovviamente hanno discusso e ci sono molte delle grandi banche per l'autoregolamentazione, che dicono: non abbiamo bisogno di essere regolamentate, lo faremo noi stessi. Nel Regno Unito infatti l'approccio regolatore fino alla crisi era notoriamente l'approccio soft-touch perché le banche sono piuttosto autoregolamentate. Negli Stati Uniti, come sapete, Alan Greenspan ha impedito la regolamentazione dei derivati ​​di credito perché sosteneva, beh, i mercati si autoregolamentano molto ma questo non ha funzionato e quindi è necessaria una regolamentazione chiara e abbiamo bisogno di agenzie di regolamentazione, ma qui è il dettaglio questo è davvero importante e anche la differenza tra grandi banche e piccole banche. Quindi penso che i regolamenti siano richiesti principalmente per le grandi banche perché sono importanti dal punto di vista sistemico come ora è riconosciuto, ma abbiamo troppa regolamentazione e troppi oneri normativi per le piccole banche, le banche della comunità locale, e quindi dobbiamo averne due tipi di approcci normativi: uno è per le grandi banche e le banche attive a livello internazionale, devono seguire una serie di normative che devono essere più rigorose, ma poi abbiamo bisogno di una serie separata di regolamenti per le banche locali attive a livello nazionale, banche comunitarie che sono anche non sono sistematicamente rilevanti e devono seguire regole normative leggermente diverse non altrettanto rigide. Questa era l'idea originale anche a Basilea 1.

Basilea 1, introdotto nel 1988-89, diceva che le regole di Basilea si applicano solo alle banche attive a livello internazionale, ricordate che in realtà non si applicavano alle banche nazionali. Ma poi l'UE per qualche motivo ha deciso che qualunque cosa questo Comitato BSBC di Basilea decidesse lo faranno diventare legge dell'UE e costringeranno tutte le banche a seguirla anche solo le banche attive a livello nazionale e questo era vero per Basilea due e Basilea tre che sono comunque adottate solo dall'UE , e da nessun altro. In realtà, dovremmo parlare dell'approccio dell'UE alla regolamentazione bancaria. Ovviamente è nel Comitato di Basilea, il Comitato Internazionale, che l'America ha una grande influenza anche su questo, ma non lo hanno mai adottato, Basilea due non è adottato negli Stati Uniti e Basilea tre non sarà mai adottato negli Stati Uniti. Quindi è un modo per l'America di regolamentare l'Europa in un modo che è molto costoso e crea molti danni in Europa, il che sembra essere attraente per quei decisori, ma ciò di cui abbiamo veramente bisogno è una regolamentazione per le grandi banche e regolamenti separati per le piccole banche e il regolatore deve riconoscere che le banche sono creatrici di denaro. Questo è un potere enorme e deve essere usato con saggezza e non dovrebbe essere abusato e c'è l'altro aspetto della tua domanda, la cui domanda molto buona è stato il riconoscimento che, sì, questo può essere abusato perché sappiamo tutti dell'abuso nelle grandi banche, ma può essere abusato anche nelle piccole banche. Quando le piccole banche non hanno la struttura di governo societario per resistere a essere rilevate da un certo gruppo di interesse in modo che la piccola banca lavori solo per questo gruppo di interesse e poi può essere sfruttata e questo deve essere prevenuto. Quindi, sono contento per questa domanda perché è un problema che deve essere affrontato. Ora, come si fa in Germania. Ebbene in Germania le autorità di regolamentazione oltre 20 30 anni fa furono introdotte a causa di questo problema, perché riconoscono questo problema, hanno introdotto la regola come regola di governo societario che tutte le banche, ma ovviamente la maggior parte sono piccole banche in Germania, devono avere una separazione tra front office e back office quindi gli ufficiali del prestito che escono e parlano con i clienti e acquisiscono affari essenzialmente nel loro prestito, che è l'attività principale delle banche, ma così facendo ovviamente si avvicinano ai mutuatari e escono e loro, sai, devono conoscerli, devono incontrarli e magari privatamente magari per cena, e così via, sai, è quasi inevitabile ma in un certo senso è chiaro che lo faranno essere più entusiasti di quei mutuatari e forse c'è un po' troppo entusiasmo. Forse vengono persino catturati dai mutuatari, quindi da soli non dovrebbero mai essere in grado di prendere la decisione sul prestito. Quindi in Germania hanno introdotto questo regolamento che questo front office è un lato che devono fare il loro lavoro e devono presentare i documenti per la domanda di prestito e ottenere tutte le informazioni dal richiedente, fare l'analisi del credito e giungere a una decisione, una raccomandazione , ma non possono prendere la decisione perché l'intero back office che non è solo audit e controllo ma in realtà è anche l'intero team di valutazione del rischio di credito, separato, non incontra il cliente e non frequenta il cliente, guarda i documenti e devono anche essenzialmente controllare separatamente tutti i dati ricevuti su questa azienda, ottenere nuovi dati separatamente, fare le proprie ricerche e prendere una decisione separata e solo quando front office e back office arrivano alla stessa decisione, sì, consigliamo di andare avanti con questo prestito, se questo prestito può andare avanti.

Ciò impedisce ad esempio a un'autorità locale che potrebbe essere coinvolta con la banca locale di dominarla e influenzare il processo decisionale sui prestiti che è cruciale, cioè la creazione di denaro, o qualsiasi altro gruppo di interesse, un gruppo locale o proprietario di una piccola banca, quindi l'azienda governi molto importanti e l'abbiamo adottato nel Regno Unito stiamo introducendo questo nel Regno Unito, abbiamo la separazione tra front office e back office che arriva fino al consiglio, sai che il front office può non essere d'accordo e quindi si può fare appello al livello superiore, ma se ancora una volta il direttore del front office e il direttore del back office a quel livello non sono d'accordo, si può fare appello al consiglio o al supervisore della società e così via. L'abbiamo introdotto e abbiamo anche progettato l'intera struttura azionaria per evitare che un gruppo di azionisti che potrebbe tentare di influenzare indebitamente la banca ed avere troppo potere. Quindi penso che la risposta ci sia, quindi è la regolamentazione e il giusto tipo di mix-and-match di regolamentazione delle grandi banche contro una regolamentazione appropriata delle piccole banche, ma in aggiunta dobbiamo essere consapevoli delle questioni di governo societario e avere regole sulla governance aziendale separando il back office e garantendo che queste banche non vengano catturate perché le banche sono servizi di pubblica utilità, perché creano denaro che ci riguarda tutti, quindi dovremmo avere il diritto di dire che nessuna banca deve seguire determinate regole a tutti i livelli, comprese le regole di corporate governance in modo da prevenire eccessi e problemi.

 

Stefan : Va bene signore qui ... il microfono sta arrivando ...

 

Grazie ... Sono Bankage Pachauri di Delhi, India. Quali sono i pericoli di un governo che si impadronisce del regolamento, del sistema di regolamentazione di una banca centrale di un paese in tempo di crisi o di crediti inesigibili a ritmo, sapete, per circa 40 miliardi di dollari. Quali sono i pericoli che il governo assume i poteri di regolamentazione o la banca centrale.

 

Werner : Ok, grazie per questa domanda che apprezzo. Penso che ci siano molti pericoli quando il governo fa questo, come ad esempio accade in Irlanda ma anche in molti paesi europei, i governi sono stati essenzialmente incoraggiati dalle banche centrali a intervenire e salvare le banche, e quindi abbiamo tutti i problemi che ne avrete sentito parlare, azzardo morale, ma oltre a questo avete utilizzato denaro fiscale, denaro dei contribuenti e indebitate l'intero paese. L'Irlanda è questo ottimo esempio perché l'Irlanda aveva una posizione fiscale molto forte prima della crisi, ma poi essenzialmente si è sentita obbligata dalla BCE a garantire l'intero sistema bancario, sono molti soldi.

L'Irlanda era in bancarotta e ha dovuto chiamare il FMI e quindi, sono completamente contrario, non è il modo per farlo. Il modo per farlo è che l'istituzione che dovrebbe lavorare nell'interesse pubblico ed è responsabile del sistema bancario, e che è la banca centrale a fare questo lavoro. Sono davvero responsabili di dove ci portano. L'azzardo morale dice che ci hanno messo nei guai, dovrebbero tirarcene fuori. Perché il contribuente e il governo dovrebbero salvarci? È la banca centrale che ha causato questo problema, non avrebbe dovuto consentire una crescita del credito del 30% per 3-4 anni creando una bolla degli asset e la crisi bancaria, quindi è anche economicamente più efficiente per la banca centrale farlo. Non ci sono costi per la società. Lasciate che vi faccia un esempio. In effetti il ​​Giappone è un ottimo esempio qui. Negli anni '90 il Giappone stava affrontando la crisi bancaria che si è poi trascinata per molti anni, ma ho stimato che all'epoca ero capo economista a Tokyo lavorando per i titoli Jardine Fleming, e ho calcolato le sofferenze totali nel sistema bancario in Giappone che è molto semplice: ti serve solo un credito bancario concesso per transazioni non GDP. Quindi i prestiti bancari per la proprietà, la costruzione di immobili, per le istituzioni finanziarie non bancarie, tutto ciò è essenzialmente entrato nella bolla speculativa e se presumi che tutto quello che dal 1986 in poi è stato prestato a questi tre settori sarebbe andato in rovina, hai avuto la tua cifra. Era il 25% dei bilanci bancari. Molti soldi. 80 trilioni di yen sarebbero diventati deteriorati, e quindi è stato piuttosto brutto. È chiaro che il sistema bancario era in rovina, ma confrontalo ora con un'altra situazione in Giappone nel 1945. Eccoci nel 1945, la seconda guerra mondiale nel Pacifico è finita, il Giappone ha perso e il suo sistema bancario era ora in gravi difficoltà.

Se guardi il bilancio della banca, consisteva di due cose: obbligazioni di guerra forzose, maggiore prosperità dell'Asia orientale, obbligazioni della paura e così via, di un paese appena sconfitto e bombardato a tappeto con bombe incendiarie, sai, in tutte queste case di legno ovviamente non c'è più molto in piedi nelle città, e la maggior parte nel secondo aspetto della seconda parte del loro lato patrimoniale del bilancio delle banche era prestiti alle aziende, ovviamente, ma principalmente negli ultimi sette anni precedenti erano munizioni le società coinvolte nello sforzo bellico e la maggior parte di esse non erano nemmeno più in Giappone perché il Giappone si è ridotto drasticamente di dimensioni. Come forse sapete, fino al quarantacinque, Taiwan e la Corea facevano parte del Giappone e di tante società alle quali le banche giapponesi avevano prestato, in Corea e Taiwan. Bene, dimenticalo perché queste società non sono più nemmeno in Giappone, ma molte erano in Manciuria, in Cina, e ovviamente tutto ciò è stato negativo, per usare un eufemismo. Quindi, i bilanci delle banche nel 1945 erano al 100% in bancarotta, al 100% in sofferenze e nel 1991 al 25% in sofferenze. Seconda informazione: quanto è stato importante il prestito bancario per il settore aziendale. Nel 1945, pronto per i 15 anni precedenti, i mercati dei capitali del mercato azionario erano stati chiusi per una questione di politica del governo, quindi le banche erano l'unica fonte e la via di scelta per ottenere denaro per il finanziamento esterno del settore aziendale. Quindi le società dipendevano al 100% dai prestiti bancari e ci sono stati fallimenti al 100%. Nel 1991 le banche avevano solo il 25% di attività deteriorate ei mercati azionari dei mercati dei capitali erano tutti fiorenti. Il finanziamento esterno da parte delle banche era solo il quarantacinque per cento del finanziamento aziendale esterno totale. La domanda del quiz è: quale di queste due situazioni dovrebbe portare a una recessione più lunga? Cosa porterà a una recessione più lunga: il 1945, dove abbiamo la completa dipendenza dai prestiti bancari e le banche crollano completamente e totalmente, o il 1991, dove abbiamo solo il 25% di attività deteriorate e le banche rappresentano meno della metà dei finanziamenti aziendali. Penso che sia giusto fare una domanda retorica. È giusto dire che, beh, dovremmo avere una recessione più lunga dopo il 1945. Ma qual è stato il risultato? Dopo la crisi bancaria degli anni '90 abbiamo avuto 20 anni di recessione, mentre dopo il 1945 quanto è durata la recessione? Un anno, questo è tutto. Perché? La differenza è la politica della banca centrale. Cosa ha fatto la Banca del Giappone nel 1945 che non ha fatto negli anni '90? È uscita e ha acquistato le attività deteriorate delle banche al valore nominale e il problema si è risolto. Diciamo, questi prestiti, perché negli anni '90 c'era un certo valore, diciamo che allora non valgono zero, diciamo che valgono venti. Prima valevano 100, ora ne valgono solo venti, ovvero l'80% non performanti. è già enorme. La banca centrale interviene e acquista questi prestiti dalle banche al valore nominale di 100. Le banche hanno bilanci solidi e possono prestare di nuovo e il problema è risolto, e il costo del contribuente è zero.

Aspetta, quali sono i rischi, questa è la tua domanda. Quali sono i rischi? Non stiamo creando inflazione qui? No, questo non crea affatto denaro. La creazione di denaro è quando le banche e la banca centrale creano denaro iniettato nel settore non bancario trasferendo le attività dalla banca alla banca centrale, stai solo facendo qualcosa all'interno del settore bancario, questo non crea affatto denaro.

Ma non stiamo creando inflazione, stiamo creando perdite nel bilancio bancario della banca centrale? La banca centrale non registra ora una perdita di 80? Ha acquistato qualcosa per 100 che vale solo 20? Sicuramente, la banca centrale ha una perdita di 80, forse la banca centrale sta fallendo, oh non preoccuparti: la banca centrale non ha una perdita di 80, la banca centrale ha un guadagno di 20!

Giusto? Perché? Bene, ora possiede beni del valore di 20. Sì, ha pagato un po 'di più, ma se hai una licenza per stampare denaro, cosa importa se vai da Valentino invece che al mercatino? No, non è così. Quindi, e nemmeno le banche centrali devono marcare il mercato. Quindi lo compri per 100, tienilo sui libri, non ci sono costi per la società. Ora, questo può sembrare radicale, ma è quello che ha fatto la Banca del Giappone nel 1945 ed è quello che ha fatto Bernanke nel settembre 2008, ed è per questo che la creazione di credito bancario si è ripresa immediatamente negli Stati Uniti mentre siamo rimasti in recessione in Giappone per 20 anni e in Europa , molti paesi, siamo stati nella lunga recessione come Spagna e Grecia. Quindi, ci sono dei rischi, ma se lo fai correttamente sono un rischio molto basso. Quindi dobbiamo assicurarci che la banca centrale stia usando i suoi poteri riconoscendo abilmente la creazione di credito, e garantire una crescita economica stabile e banche in grado di prestare a fini produttivi e poi si può fare.

 

Stefan : prendo un'altra domanda. Solo molto molto brevemente hai detto prima quasi di sfuggita che ci sono alcune banche centrali che stanno facendo un buon lavoro. Ora, ciò implica che ci sono altri che non lo fanno. Dici solo. Quali sono le banche centrali buone presso le banche centrali cattive, e solo brevemente ...

 

Werner : Vuoi che faccia dei nomi. In realtà, lo faccio in Principi dello yen. Faccio nomi anche ai banchieri centrali e come hanno preso le loro decisioni e cosa c'era di sbagliato in queste decisioni, in particolare, in Principi dello yen, la Banca del Giappone è chiaramente identificata come una banca centrale che negli anni '80, dagli anni '80 in poi, non stava facendo un buon lavoro perché abusava dei suoi poteri per creare scompiglio economico invece di una crescita economica stabile ed equa.

 

Stefan : Il Giappone è nella colonna dei Cattivi.

 

Werner : Sì, Bank of Japan da molto tempo, c'è anche un capitolo sull'Asia, la crisi asiatica dal 97 in poi è stata similmente creata dalle banche centrali. In realtà facevo parte di una squadra ufficiale, in una missione ufficiale della Banca asiatica di sviluppo centrata sulla Thailandia, una volta che la crisi è iniziata in Thailandia, e mi hanno incaricato del ministero delle finanze e della Banca di Thailandia, e ho potuto rapidamente ottenere le prove di quello che è successo. In poche parole, è stata la Bank of Thailand che, nel 1993, ha creato questa struttura bancaria internazionale offshore, ha deregolamentato i flussi di capitali internazionali e così via. Aveva il seguente insieme di politiche: tassi di cambio fissi e continuava a dire non ti preoccupare per il tasso di cambio che abbiamo fissato, manterrà il tasso di cambio fisso del dollaro. Quindi ha usato la sua guida del credito bancario che stava gestendo clandestinamente, ho anche potuto accertare che qualcuno ha perso il lavoro per questo, rivelando questo ma, sfortunatamente, ma così hanno costretto le banche nazionali in Thailandia attraverso guide critiche a ridurre i loro prestiti alle società thailandesi mentre deregolavano i prestiti dall'estero, e dicevano a tutte le società in Thailandia: non c'è rischio di cambio, manterremo il tasso di cambio. Quindi, essenzialmente le società thailandesi sono state costrette a prendere in prestito in dollari dall'estero, e stanno creando questa bomba a orologeria che ha creato questa situazione molto insostenibile: i prestiti a breve termine denominati in dollari stavano aumentando e aumentando, potevano essere ritirati in qualsiasi momento, e mentre allo stesso tempo le esportazioni stavano diminuendo per vari altri motivi, sai, svalutazione cinese e così via. Quindi, stai creando questa bomba a orologeria e quando è esplosa cosa ha fatto la Bank of Thailand in quel momento? Oh, perché ha ancora notevoli riserve di valuta estera, oh, assicuriamoci di sprecare ogni singolo dollaro che abbiamo in riserve di valuta nel tentativo di mantenere questo ancoraggio, cosa che è avvenuta molto rapidamente comunque, quindi tutto è saltato, e poi, beh, allora l'ancoraggio va e poi ovviamente la valuta si svaluta in maniera massiccia. Allora, oh, allora chiamiamo l'FMI. Cosa dice il FMI? Oh, beh, ora abbiamo bisogno di austerità e devi ridurre ulteriormente la creazione di credito bancario e l'espansione del credito della banca centrale deve diminuire. Il FMI, tra l'altro, chiede ai paesi di attuare politiche di libero mercato, tranne che le politiche del FMI, esse stesse, non sono politiche di libero mercato, sono una guida del credito. Hai costretto a ridurre la tua creazione di credito trasformando questa crisi bancaria in una massiccia recessione. Quindi, in sostanza, questa combinazione di FMI e banca centrale è stata la causa, questo è un altro esempio, ma ce ne sono altri ce ne sono alcuni buoni, alcune buone banche centrali ...

 

Stefan : Sì, in Europa ... ECB, sì o no?

 

Werner: Dai, dai, è una domanda retorica. La BCE è stata un disastro sin dal primo giorno, ha creato bolle di asset, crisi bancarie, recessioni massicce, vasta disoccupazione, ampia disoccupazione giovanile in Spagna e Grecia, a sinistra, a destra e al centro, ma è "giusto", è una banca centrale "giusta". Non sarebbe, non sarebbe abbastanza, sarebbe ingiusto solo creare questi enormi pandemoni economici in Irlanda, Portogallo, Spagna e Grecia, e non in Germania, giusto? Ora è il turno della Germania, perché la BCE sta creando una bolla immobiliare in Germania dal 2009, mentre sta uccidendo le banche comunitarie le banche buone. Ora sono tutti costretti a prestare per speculazioni immobiliari, quindi, controllami tra cinque anni, la bolla immobiliare scoppierà e il sistema bancario tedesco sfinito sarà scoppiato, e la BCE sarà responsabile, ma lo userà, come no, per dire che hanno bisogno di ancora più poteri, e daranno loro più poteri, questo è quello che succederà. Quindi, è una buona banca centrale? Non credo proprio.

 

Stefan: Va bene, su quella nota ottimistica prendo un'altra domanda. I signori qui.

 

Ciao, mi chiamo Barrows Garlicy e lavoro come ricercatore presso il Dialogue of Civilization Research Institute, e grazie per la discussione. Richard, prima hai accennato all'indipendenza della banca centrale e dici che le banche centrali rivendicano più potere, e se questo accadrà sempre di più, voglio dire, le banche centrali ottengono l'indipendenza. Cosa vede il futuro di questo fenomeno a livello macro, diciamo sul PIL, ad esempio, o sull'inflazione. Grazie mille.

 

Werner: Ok, grazie mille, è un'ottima domanda, grazie per averla sollevata. Ho messo in guardia contro troppi poteri per la banca centrale e per l'eccessiva indipendenza della banca centrale. Essenzialmente soffriamo di rischio morale regolamentare. Abbiamo dato, ogni volta che c'è stata una crisi bancaria, abbiamo dato più poteri alle banche centrali. Di conseguenza, abbiamo dato loro l'incentivo a creare più crisi perché otterranno più poteri. C'è la cosiddetta teoria della burocrazia che riconosce che, sai, la burocrazia è un gruppo di umani che hanno interessi e vorrebbero espandere i propri interessi. È molto comprensibile, non posso biasimarli. Ma se essenzialmente, se non lo riconosci, in particolare quando si tratta di denaro, creazione e allocazione di denaro, che è uno strumento molto potente, e dai così tanto potere su questo a un piccolo gruppo di persone, e non avete controlli ed equilibri e il giusto governo societario per garantire un buon governo, e non date i giusti incentivi ma premiate il fallimento. Premiate e date più potere per avere un'altra crisi bancaria in un altro ciclo di boom e recessione, e così via, state creando un disastro e, sfortunatamente, questa è la strada che abbiamo seguito ed è per questo che, ovviamente, avremo un'altra crisi finanziaria , un'altra crisi bancaria, e in molti paesi, appunto. Questo è ciò che dobbiamo riconoscere, e dobbiamo cambiare questo, e possiamo cambiarlo. Ora, in realtà c'è un'altra tendenza in corso e questo ha a che fare con. Ho iniziato parlando del mio test su come funzionano effettivamente le banche, un test empirico, l'unico primo test empirico nei 5.000 anni di storia del settore bancario, di come le banche funzionano effettivamente, e creano denaro è così che funzionano, e una volta arrivate queste informazioni, nel 2014, la banca centrale ha cambiato atteggiamento perché ora la conoscenza del denaro e delle banche si sta diffondendo anche alla gente comune. I banchieri centrali hanno reagito e sono passati al piano B, temo, e il piano B è ... improvvisamente abbiamo tutti questi gruppi di riforma che sorgono, gruppi di riforma monetaria, e dicono: le banche stanno creando denaro - è scioccante! Dobbiamo abolire la creazione di credito bancario, dobbiamo sbarazzarci delle banche... e ho scoperto che, in alcuni paesi, le banche centrali lo sostengono. Le banche centrali ora, in alcuni paesi, tradiscono essenzialmente la loro circoscrizione, le banche, e dicono: sbarazziamoci delle banche adesso. Cosa dicono questi gruppi di riforma monetaria sulla creazione del denaro? Oh, dovrebbe essere fatto esclusivamente e solo dalla banca centrale! Dare ancora più poteri ai banchieri centrali trasformandoli negli unici creatori dell'offerta di moneta e sbarazzandosi delle banche, e facciamo sì che la banca centrale emetta valuta digitale della banca centrale e in sostanza ogni persona avrà quindi direttamente un conto con una banca centrale, e oh, non è allettante che avremo un reddito di base universale? Tutti ricevono, sai, duemila sterline, duemila dollari, o euro, ogni mese dalla banca centrale nel loro conto? Non è un bel sistema molto giusto ed equo? Aspetta, questa è un'enorme presa di potere da parte dei banchieri centrali. Lì, stanno cercando di ottenere ancora più potere, sbarazzarsi del decentramento che abbiamo in una certa misura nel sistema con le banche comunitarie e le banche locali che prendono decisioni sulla creazione di denaro, e stanno cercando di monopolizzare questo e ottenere una centrale digitale creazione di credito bancario basato su blockchain come prossimo potente strumento. Parlano persino di averlo in un microchip che verrà impiantato sotto la tua pelle. Oh, questa è roba piuttosto spaventosa. Questo è. Ecco dove stanno andando le banche centrali. Vogliono ancora più potere. Sbarazzarsi del contante: l'intero dibattito sulla necessità di sbarazzarsi del contante ha a che fare con questa presa di potere da parte di alcune banche centrali che vogliono più potere e vogliono sbarazzarsi di tutta la concorrenza. I contanti sono sotto il tuo controllo: ce l'hai, puoi darli a qualcuno che la banca centrale non può controllare. Ma se è una valuta digitale, non è solo monitorata, può anche essere controllata in determinate transazioni, può essere prevenuta e bloccata e può essere, sai, i poteri di controllo sono così enormi e centralizzarli in un'istituzione è estremamente pericoloso. Penso che la grande lezione del 20 ° secolo sia stata questa, perché la grande tendenza generale del 20 ° secolo è stata la concentrazione del potere in un numero sempre minore di mani, ma è stato disastroso e questa è la grande lezione del 20 ° secolo. Non abbiamo bisogno di centralizzare il potere economico e politico, abbiamo bisogno di decentralizzare, abbiamo bisogno di decentralizzare per dare potere alle comunità locali e dare loro più potere decisionale anche sulle decisioni economiche. Ecco perché abbiamo bisogno di banche comunitarie, è lì che abbiamo bisogno dell'indipendenza, ne abbiamo bisogno a livello locale non nelle mani delle banche centrali e il record storico è molto chiaro. Non ha funzionato bene dare più poteri a un numero sempre minore di giocatori e dare troppo potere alle banche centrali. Abbiamo bisogno di decentralizzare e avere banche della comunità locale e creare molte più banche locali in molti paesi, che è quello che sto cercando di fare e spero che possiate aiutarmi e che mi sosterrete in questa impresa per creare più banche comunitarie.

 

Stefan: Va bene. Grazie mille, è stata una conclusione meravigliosa. Grazie mille, grazie, grazie, è stata una conversazione affascinante Richard Werner, grazie mille per essere qui. Grazie a tutti per essere usciti sabato mattina. Spero ti stia divertendo, ci godremo il resto del forum e goditi il ​​tuo weekend, stammi bene, grazie mille.

 

Werner: E grazie a Stefan per essere stato un fantastico moderatore e ospite in ognuno di voi, grazie, un applauso a Stefan.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Crypto-Italy: the government promoting cryptocurrencies

  THE ITALIAN GOVERNMENT IS PROMOTING THE ADOPTION OF CRYPTOCURRENCY, STABLECOIN  ROME, October 18, 2020 - At 3 o'clock tonight, the gov...